Perché la tua vita cambia quando decidi di partire

L’Italia è un paese meraviglioso. I suoi profumi, colori e tradizioni la rendono uno dei luoghi piu’ ambiti al mondo. Purtroppo però viverci non è esattamente la stessa cosa. Le opportunità sono ridotte, la mentalità generale è ristretta e oggigiorno i giovani decidono di spiegare le proprie ali verso nuove possibilità fuori dai confini della nostra terra.

Mi chiamo Melissa, vengo dalla provincia di Cuneo, e sono una di quelle persone.

Ho deciso presto che avrei voluto costruire il mio futuro all’estero. Vedendo gente più grande di me completamente delusa dalla propria carriera ho deciso di partire. Di buttarmi. Di provare a vedere quali realtà esistessero davvero fuori dall’Italia.

La mia prima meta è stata l’Australia, una terra meravigliosa. Calda, solare e innovativa. Ci sono rimasta un anno e mezzo, precisamente a Sydney. Qui ho incontrato molti miei limiti, che ancora non conoscevo. Mi sono resa subito conto di quanto sia difficile integrarsi in una comunità di persone che hanno una cultura diversa dalla tua. Gli australiani erano davvero carini con me, ma non mi sentivo di farne parte. Mi sentivo fuori luogo, quasi sbagliata. I primi tempi sono stati duri. Le mie altissime aspettative si sono scontrate con una realtà che non immaginavo.

Nonostante il mio inglese non perfetto e nonostante l’unico lavoro avessi fatto prima di quel momento fosse l’animatrice in un piccolo hotel, ho deciso di cercare il mio primo lavoro in un bar. I clienti mi ordinavano bevande mai sentite prima e quella cassa super tecnologica mi mandava in palla. Eppure Melissa era sempre stata una ragazza piena di amici e senza paura. Bene, ho dovuto dire addio a quella Melissa e accogliere una nuova versione di me. Un ‘work in progress’. Nuove incertezze da superare e sfide all’ordine del giorno.

Stavo vivendo al massimo. Con il sorriso stampato in faccia e il cuore pieno di forza di volontà
Stavo vivendo al massimo. Con il sorriso stampato in faccia e il cuore pieno di forza di volontà

Dopo i primi mesi, la mia vita ha preso forma. Ho lasciato un paio di lavori per trovarne di sempre migliori con paghe più alte, che mi permettevano di sfruttare le mie capacità. Ho smesso di temere i capi che mi urlavano addosso a seguito dei miei disastri e ho lasciato perdere l’idea di dovermi sentire come a casa. Proprio nel momento in cui ho realizzato che non esisterà mai un posto come la tua terra, ho iniziato a vivere al 100% l’Australia. Ho iniziato a parlare con sconosciuti per conoscere la loro storia. Ho viaggiato facendo auto stop con un’amica perché i mezzi pubblici costavano troppo e ho fatto spesso tre lavori contemporaneamente per migliorare il mio curriculum e imparare nuove skills. Stavo vivendo al massimo. Con il sorriso stampato in faccia e il cuore pieno di forza di volontà. Era nata una nuova Melissa. Una Melissa piu consapevole, che ha imparato a guardare il mondo con mille occhi.

Diciotto mesi dall’altra parte del mondo mi hanno insegnato che ovunque tu voglia arrivare devi cavartela da solo. Chiunque può decidere di aiutarti, ma sta a te raggiungere i tuoi obiettivi senza scivolare giù. Mi hanno insegnato che non tutto il male vien per nuocere e che le insicurezze sono semplici e meravigliose opportunità di crescita personale. Ora vivo a Londra, una città caotica e meravigliosa. Qui ho scoperto nuovi lati di me e ho trovato la mia strada che spero di percorrere per molto tempo. Nel prossimo articolo parlerò proprio di quest’altro capitolo della mia vita, ancora piu emozionante.

Stavo vivendo al massimo. Con il sorriso stampato in faccia e il cuore pieno di forza di volontà

 Melissa e’ una studentessa di Business Management a Londra. Come life e business coach, la sua passione e’ di aiutare le persone ad ascoltare il proprio cuore e creare una vita e business che adorino.

Share This:


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *